Tecnocrazia italiana


Scritto il 25 aprile 2008 alle 13:49 da Nereo  |   View blog reactions



Mi ero già sfogato parlando di Fioroni e del Digital Divide che spacca la società italiana.

Oggi, prendendo spunto da un pezzo di Luca De Biase voglio ritornarci sopra perché quello che scrive Luca è scandalosamente vero e merita un supplemento di riflessione.

Tutte le fotografie che vengono fatte dell’Italia sono sempre in chiaroscuro e mostrano un paese a due velocità. Non sto parlando di Nord-Sud, l’argomento è l’accesso alle informazioni e ai servizi che la rete fornisce a tutti ma che sono accessibili sono a una minoranza.

Apro una parentesi.

Nella foto: il computer del progetto di Nicholas Negroponte One Laptop Per Child… un modo subliminale di comunicare che non ci possiamo più permettere di cincischiare più di tanto.
Ho sentito personalmente Negroponte dire che in un esperimento sociale in Centrafrica un gruppo di ragazzini in un paio d’ore da quando hanno ricevuto il loro Laptop sono riusciti a registrare e uploadare su Youtube il loro primo video.

Chiudo la parentesi.

I temi sarebbero tantissimi ma due sono i più rilevanti:

  1. La formazione delle opinioni, grazie al più facile accesso alle informazioni e alle più disparate fonti, che genera una distorsione del meccanismo democratico di un paese come il nostro.
  2. Il vantaggio competitivo di poter sfruttare la Rete per ogni attività sia di business che personale con – come minimo – consistenti risparmi prima ancora di potenziali maggiori guadagni.

Sul primo punto non posso neanche dire che sia una mossa dei nostri politici per calmierare e controllare l’opinione pubblica perché, appartenendo loro in stragrande maggioranza alla “fascia debole” di questo digital divide, non vedo come possano comprendere e intervenire con senno su questi meccanismi.

Sul secondo aspetto, è incredibile come si continuino a sprecare opportunità di rendere molti processi più efficaci grazie alla Rete e ai suoi strumenti.

A dirla tutta, sia io che te che stai dedicando qualche minuto del tuo tempo a leggere queste righe, apparteniamo per forza di cose alla fascia privilegiata di questo mondo.
Perché preoccuparcene quando un incremento della forbice può solo favorirci?

Guardandola in modo cinico, la nostra società si sta avvicinando a un modello tecnocratico dove chi padroneggia la tecnologia – e ne può disporre appieno – gode di un potere e di opportunità inaccessibili alla massa indistinta della popolazione del paese in cui vive.

Però a me questa cosa sta a cuore e mi piacerebbe immaginare uno scenario dove le prossime generazioni possano ricevere in eredità un sistema-paese migliore piuttosto di doverselo costruire da soli fra 10 o più anni quando arriveranno in massa in qualche posizione utile.

Mi sforzo di non dare tutta la colpa alla politica… ma un segnale forte deve arrivare da lì perché altrimenti le posizioni protezionistiche del mercato delle telecomunicazioni non si possono schiodare e le scuole non possono aiutarci.

Ma, nonostante questo, cosa ne facciamo della gran parte dei decisori che oggi sono nelle stanze dei bottoni e che, a causa dell’età troppo giovane della Rete, non ne sono mai diventati utilizzatori?
E quindi che stanno – anche se non lo sanno – il divario digitale lo stanno guardando dal basso?



Share on FriendFeed

icona feed RSS Aggiungi il feed al tuo aggregatore!



Postato il 25 aprile 2008 alle 13:49 all'interno della categoria società digitale.
Puoi seguire i commenti a questa discussione sottoscrivendo il feed.
Puoi dire la tua o fare un trackback dal tuo blog.

  • http://blog.achille.name/ Sante

    Leggere il tuo post mi ha rincuorato stamattina – l’ho letto dopo aver buttato giù qualcosa anch’io nel settore della politica anche se di più ampio respiro.

    Hai ragione questa (nuova) divisione tra le genti del mondo non è altro che una continuità nella storia che ha molto da insegnarci …

    Noi abbiamo il dovere e la responsabilità di condividere il nostro sapere per migliorare la qualità della vita di tutti – ma non è così facile e passa attraverso delle scelte impopolari secondo me, non è solo una questione di dare l’opportunità ma si deve anche esigere risultati, cosa che oggi è impensabile – hai sentito della marcia dei ragazzi di una scuola che pretendono il 4 politico perché altrimenti si demoralizzano troppo ? Ricordo professori che negli anni ’80 mettevano 1 meno meno meno perché non era ammesso mettere lo ZERO !!

    Allora è sicuramente un problema politico l’avere una visione moderna del Paese costringendo le amministrazioni ad adeguarsi, ma è anche un problema della famiglia – quali sono i valori che si insegnano ai ragazzi ?

    Noi siamo avanti anni luce rispetto alla media sicuramente, basta citare un episodio tratto dalla quotidianità dell’Accademia dove insegno: una impiegata si è sistematicamente rifiutata di utilizzare il computer giustificandosi che faceva tutto meglio e più velocemente a mano ! (questo nel 2005 …)

    Chiudo con un IN BOCCA AL LUPO per l’incarico IAB – c’è molto da lavorare vero ?

    Come ti sembra questo commento? Thumb up 0 Thumb down 0

  • Anonimo

    Come non darti ragione!
    Ti segnalo questa bella iniziativa http://teachtoday.eu/ speriamo prenda piede anche in Italia.

    Come ti sembra questo commento? Thumb up 0 Thumb down 0

  • Pingback: Obama e il modello Facebook | Totale|il blog di Nereo Sciutto

  • Pingback: Call Centre, Internet e asimmetria informativa » Terra & Nuvole – il blog di Sara Magliola sul webmarketing e non solo…

Get Adobe Flash player