Solo la Russia resiste a Google


Scritto il 27 agosto 2008 alle 0:35 da Nereo  |   View blog reactions



E’ francamente una sorpresa ma l’unico paese europeo in cui oggi Google non sia il leader incontrastato è la Russia.

Yandex è il motore di ricerca russo che si permette un 55% delle ricerche di tutta la Russia e un terzo posto assoluto fra i motori più utilizzati in Europa (potrebbe essere medaglia d’argento se consideri che il secondo è eBay).

Yandex si è permesso anche la quotazione al Nasdaq, è in utile dal 2002 e viene definito dal suo CEO come la miglior azienda high-tech russa in questo momento.

La Russia è il paese europeo che ha la più alta crescita degli utenti internet (+23% 2007 su 2006, vedi schema di sotto) e il mercato pubblicitario legato a Search e Contextual ha già raggiunto il 60% del budget complessivo speso online, superando i Banner/Display.

Ora va a finire che anche la Russia ci sorpassa (sul web)…

PS: Visto il valore del mercato dell’advertising russo e l’impossibilità di conquistare direttamente la posizione di leader, Google ha saltato un ostacolo e ha iniziato ad acquistare direttamente aziende di advertising contestuale.




Share on FriendFeed

icona feed RSS Aggiungi il feed al tuo aggregatore!



Postato il 27 agosto 2008 alle 0:35 all'interno della categoria Advertising online, Ricerche, Search Marketing.
Puoi seguire i commenti a questa discussione sottoscrivendo il feed.
Puoi dire la tua o fare un trackback dal tuo blog.

  • http://alessandrobonomo.myblog.it Alex

    Ciao Nereo,
    ci sono diversi fattori storici, linguistici, psicologici o più genericamente culturali che spiegano questa situazione (oltre al fatto – non del tutto ovvio per chi non conosce questo mercato – che Yandex è davvero una ottima internet company).
    Qualcuno lo trovi esposto qui:
    http://alessandrobonomo.myblog.it/archive/2008/07/06/russi-copioni-o-geniacci.html

    Ciao,
    A.

    Come ti sembra questo commento? Thumb up 0 Thumb down 0

  • http://www.totale.it/ Nereo

    Grazie per il contributo Alessandro… a volte si parla di motori senza pensare che dietro ci sono aziende, persone e background culturali specifici che andrebbero valutati quando si esce dai più “lineari” States.

    Come ti sembra questo commento? Thumb up 0 Thumb down 0

Get Adobe Flash player