Quanto costa continuare a tutelare i propri trademark/brand?


Scritto il 20 giugno 2008 alle 21:28 da Nereo  |   View blog reactions



Dal 5 maggio scorso Google ha esteso a UK e Irlanda la possibilità, già presente in USA e Canada, di pubblicare annunci Adwords su marchi registrati di concorrenti.

In altre parole, la Coca-Cola può pubblicare un annuncio anche in corrispondenza della ricerca “Pepsi” in USA, Canada, UK e Irlanda.

Ieri Hitwise ha provato a calcolare quanto è costato ai 100 top brand britannici tentare di alzare i propri budget e bid per non perdere traffico sulle ricerche brand con il comparire di annunci di concorrenti diretti.

Riassumo al massimo: nel periodo precedente (protezione del brand) solo il 9,2% del traffico da motori di ricerca per keyword brand era a pagamento (Paid LIsting).

Nota estemporanea: questo vuol dire che il 90,8 arrivava da risultati organici a costo zero :-)

Nel periodo immediatamente successivo i Paid Listing sono aumentati all’11,2% con un incremento secco del 22% .

In altre parole: le aziende hanno deciso di tentare di proteggere i loro trademark incrementando il CPC e i budget dedicati al Pay-per-Click su termini brand nel tentativo di portare un utente che li cerca sul sito che li possiede.
Magari ti sembrerebbe ovvio e naturale che fosse già così, no? Invece non lo è affatto.

Un incremento del 22% nel traffico da Pay-per-Click significa in primis un incremento del budget giornaliero dedicato al presidio dei marchi registrati e, con l’ingresso di nuovi partecipanti all’asta, un deciso aumento del CPC medio (che prima era il minimo possibile).

Questo è il grafico pubblicato da Hitwise che evidenzia l’aumento per settore.

Nota: nel banking sembra che sia tutto stabilizzato come conseguenza di un vero e proprio gentleman’s agreement fra i maggiori player che si sono accordati per non puntare sui brand altrui (accordo consigliabile visto i CPC decisamente allucinanti che girano nel banking/finance).



Share on FriendFeed

icona feed RSS Aggiungi il feed al tuo aggregatore!



Postato il 20 giugno 2008 alle 21:28 all'interno della categoria Search Marketing.
Puoi seguire i commenti a questa discussione sottoscrivendo il feed.
Puoi dire la tua o fare un trackback dal tuo blog.

Get Adobe Flash player