Quali saranno i “migliori” risultati di un motore? (parte1)


Scritto il 25 agosto 2007 alle 15:42 da Nereo  |   View blog reactions



Nessuno lo fa meglioHo letto già da qualche giorno il post sulla comparazione delle SERP sul blog di Susan. 

In estrema sintesi, Susan fa un paragone fra i risultati di Google, Yahoo!, Ask e MSN/Live Search per vedere che tipo di siti vengono presentati nelle prime due pagine per ricerche generiche.
Nel suo caso, visto dove lavora :-) ha scelto la keyword “hotel“.

I risultati che ha trovato sono molto interessanti e ci dicono qualcosa (seppure di empirico e macroscopico) sull’organizzazione degli indici dei motori e sul ranking che offrono a chi fa questa ricerca.
Se ti interessi di SEO ti consiglio di leggerlo.

Ne riporto solo uno che è quello che mi lasciato un tarlo che dopo diversi giorni è scaturito in questo post.

Dopo aver fatto la ricerca ha categorizzato i risultati fra:
1) portali di prenotazione (Expedia, Travelocity, Venere…)
2) siti di catene alberghiere (Hilton, Best Western…)
e tante altre microcategorie come quotidiani/news, wikipedia ecc.

Considerando solo le due macro-categorie che ho lasciato, si scopre che:

Google piazza in prima e seconda pagina 11 siti di booking e 3 catene.
Yahoo! invece fornisce 9 siti di booking e 7 catene.
Ask si differenzia con solo 2 siti di booking e ben 17 catene.
Live sceglie 9 siti di booking e solo 2 catene.

Da questo caso specifo emerge che:
Google è il motore che predilige di più i portali di booking, Ask quello che sposa quasi esclusivamente le catene alberghiere. Yahoo! è più bilanciato.

A questo punto, lasciando stare dati, tendenze e predilezioni, mi è sorta una domanda retorica: qual è il risultato migliore?

Lo so, è veramente una questione donchisciottesca ma il successo di un motore è dato dalla qualità dei suoi risultati, no?

E poi, migliore per chi? 
Immagino per l’utente… ma dato che i motori hanno – anche loro – dei modelli di business sarebbe il caso di considerarli attori coinvolti nella discussione e non meri filantropi ;-)

La lotta allo spam aiuta entrambi e do per scontato che non ci debbano essere inquinamenti nei risultati (men che meno per questa ricerca dove ci sarà stato anche un quality rating manuale).

Proviamo a fare un esempio più realistico.

Se cercassi “hotel milano stazione centrale” sarebbe più utile trovare un sito di prenotazione centralizzato? O il sito di una catena che ha un albergo in zona? O siti di singole strutture indipendenti? O più spesso la pagina di Tripadvisor? O altre?

Questo argomento merita una riflessione mooolto più approfondita e un po’ più di spazio. Lo svilupperò in un post a parte.
E poi, perché devo andare a infilarmi in queste missioni impossibili il sabato con (finalmente!) un bel sole fuori :-)
Buon week-end a tutti!

Technorati Tags: serp, motori di ricerca, posizionamento organico, seo, google, yahoo, live, ask, hotel, superzu, susan geraeds



Share on FriendFeed

icona feed RSS Aggiungi il feed al tuo aggregatore!



Postato il 25 agosto 2007 alle 15:42 all'interno della categoria Lavoro, Search Marketing.
Puoi seguire i commenti a questa discussione sottoscrivendo il feed.
Puoi dire la tua o fare un trackback dal tuo blog.

  • http://blog.venere.com Susan

    Secondo me nei primi 10 risultati ci devono stare tutte quelle cose: catene, alberghi, siti di prenotazione, news, review ecc. Così la possibilità che l’utente trovi quello che cercava aumenta.

    Come ti sembra questo commento? Thumb up 0 Thumb down 0

  • http://www.webranking.it/ Nereo

    Hai ragione Susan: ci devono stare tutte quelle cose.

    C’è però uno sbilanciamento in un verso o nell’altro che si vede principalmente in Ask e Google…

    Come ti sembra questo commento? Thumb up 0 Thumb down 0

Get Adobe Flash player