Pulizie estive: unsubscribe dalle mailing list!


Scritto il 2 settembre 2008 alle 21:24 da Nereo  |   View blog reactions



Durante l’anno ricevo una marea di mail pubblicitarie e non riesco neanche a pensare se ho dato o meno l’autorizzazione per riceverle.

Le cancello in modo meccanico o le salto di brutto. E’ un meccanismo che sull’istante mi costa pochissima fatica ma che sommando tutti i momenti dedicati diventa un’inefficienza incredibile.

Una delle attività alle quali mi sono dedicato nei giorni di calma estiva è stato quello di seguire le procedure di unsubscribe da tutte le newsletter inutili.

Alcuni dati:

  • Il fenomeno dell’invio unsolicited è ancora molto diffuso nonostante garanti, regolamenti e via dicendo. Un esempio su tutti: mio indirizzo e-mail è sul sito dell’ordine degli ingegneri (l’albo è pubblico e il mio ordine ha deciso di pubblicare le mail di fianco ai nomi) e mi sono cancellato da almeno 10 newsletter principalmente di case editrici di manuali o prontuari tecnico/edilizi che hanno grabbato tutti gli indirizzi senza neppure verificare che io sia un ingegnere informatico e non edile (c’è scritto di fianco ovviamente). In compenso ora so tutto dell’edilizia antisismica e del fotovoltaico :-)
  • In diversi casi ho fatto un po’ fatica a cancellarmi perché mi dovevo loggare per cancellarmi (e chi si ricorda le password dato che manco mi ricordo di essermi mai iscritto?) oppure perché dovevo spiegare le mie motivazioni e infine perché la pagina di unsubscribe dava un bel 404.
  • In troppi casi era richiesto di rispondere semplicemente alla mail chiedendo di essere rimosso e sono pronto a scommettere che queste gestioni manual-bracalone non sortiranno alcun effetto in un caso su due.

Comunque, è stato come fare le pulizie di primavera (anche se stavolta era estate inoltrata) o liberarsi la scrivania da una montagna di cartacce inutili.
Morale: una vera soddisfazione :-)

Una annotazione in calce sullo strumento newsletter e/o mailing list:

Nel marzo scorso Contactlab ha pubblicato uno studio sullo stato del mercato italiano dell’e-mail marketing che appariva quasi entusiastico, con una media di più di 6 mailing list per utente (ovvero, di media, ogni italiano sarebbe inserito in almeno 6 mailing list), con bassi tassi di unsubscribe.

Ne ho letto bene più o meno ovunque, immagino anche per una sorta di cortesia nei confronti di un collega dell’online che ti invia una ricerca  ;-)

Unica (o quasi) voce fuori dal coro è stata quella di Maurizio che ha citato i dati di Marketingsherpa e la sua esperienza che si riassume in questa frase (rivolta all’autore della ricerca) che riporto e che sottoscrivo per concludere la digressione:

Ritengo, come ho già avuto modo di scrivere in passato, che l’e-mail sia un valido strumento di retention, ma non di acquisizione, nonostante le evidenze della sua ricerca.



Share on FriendFeed

icona feed RSS Aggiungi il feed al tuo aggregatore!



Postato il 2 settembre 2008 alle 21:24 all'interno della categoria Ricerche, Web Marketing.
Puoi seguire i commenti a questa discussione sottoscrivendo il feed.
Puoi dire la tua o fare un trackback dal tuo blog.

Get Adobe Flash player