Il bug di Google riesuma Calzolari


Scritto il 3 febbraio 2009 alle 12:51 da Nereo  |   View blog reactions



Premessa, aggrego il blog di Vittorio Zambardino e dopo la querelle dell’anno scorso sul fisico pisano che ha bucato lo zeitgeist di Google ho apprezzato molte volte la sua lucidità di analisi. In quell’occasione abbiamo avuto posizioni decisamente opposte e ci siamo anche un po’ scaldati ma lo stimo e mi piace leggerlo.

L’unico scivolone che mi permetto di imputargli è quando si tratta di discutere di Google in modo “tecnico” e non del suo modello di business dove invece è estremamente competente.

Andava tutto bene… però intervistare Calzolari di nuovo per chiedere proprio a lui, in qualità di guru, cosa pensasse del bug di Google dei giorni scorsi è perseverare :-)

Riprendo dal post:  

Al telefono c’è Federico Calzolari, il ricercatore pisano che alla fine del 2007 riuscì a dimostrare, con un intervento di dadaismo tecnologico ma senza trucchi di alcun genere, come le classifiche di Google Zeitgeist potessero dare risultati clamorosi. Con lui ho discusso brevemente l’episodio dei 40 minuti di blocco di Google e l’apparizione in tutte le lingue del mondo di quella scritta: questo sito potrebbe danneggiare il vostro computer.

Va detto che Calzolari risponde da vero comunicatore (Stefano voleva conoscerlo e magari assumerlo in Google… forse una chiacchierata ha prodotto effetti impensabili) e senza una briciola dello spirito goliardico che lo contraddistingueva e che gli ha fatto creare l’immagine appena-appena dissacratoria qua sotto:
Google col buco



Share on FriendFeed

icona feed RSS Aggiungi il feed al tuo aggregatore!



Postato il 3 febbraio 2009 alle 12:51 all'interno della categoria Pensieri sparsi, società digitale.
Puoi seguire i commenti a questa discussione sottoscrivendo il feed.
Puoi dire la tua o fare un trackback dal tuo blog.

  • http://blog.comprabanner.com/ Martino

    40 minuti a me son sembrati pure pochi… zambardino a livello tecnologico ne sa meno di zero… almeno si fidasse di chi ne sa più di lui!

    Ad ogni modo la teoria più accreditata qua in ufficio sulla causa dell’errore è che sia stato Matt Cutts che si è addormentato sulla tastiera mentre revisionava la blacklist…

    Come ti sembra questo commento? Thumb up 0 Thumb down 0

Get Adobe Flash player