Google lancia la sfida alle affiliazioni (altrui)


Scritto il 1 ottobre 2007 alle 15:28 da Nereo  |   View blog reactions



Un nuovo sistema referral è stato aggiunto – un po’ in sordina – da Google all’interno delle consolle di Adsense con il nome di Referral 2.0 durante l’estate.

Il sistema estende – e di molto – le potenzialità del vecchio programma referral che funzionava quasi esclusivamente per la promozione di prodotti di Google o di suoi partner con un meccanismo identico a quello delle affiliazioni.

Adsense Referral

La grossa novità è basata sull’allargamento a tutti gli inserzionisti che potranno veder pubblicati i propri annunci in un formato simil-adsense e una remunerazione puramente in CPA (Cost-per-Action) che può quindi essere collegata a una quota per Lead o per Sales.

Questa modalità rappresenta nei fatti una sfida decisa agli operatori dell’affiliate marketing perché ne copia la più rilevante metrica di remunerazione.
In altre parole: una nuova “zampata” di Google :-)

Al momento l’unica differenza è la revenue in valore assoluto (xx $) e non in percentuale (ad esempio nella remunerazione delle vendite) e questo limiterà un po’ lo sviluppo fra chi ha grossi differenziali di valore.

Pensando alla raccolta che Google può fare, diventerà probabilmente molto più difficile poter competere nei numeri con un sistema distribuito in modo così capillare.

Immagino che Zanox e Tradedoubler (per rimanere vicino a casa) e i loro numerosi colleghi faranno leva sulla componente “umana” che il sistema di Google probabilmente non può offrire altrettanto facilmente però il problema credo sia già molto sentito.

Comunque, per lo sviluppo “serio” nella UE credo che anche un valore del dollaro un po’ più ragionevole sarà una condizione di sviluppo non trascurabile. I valori che ho visto proposti da Google sono interessanti ma il rapporto di cambio li rende ancora poco competitivi con quello che viene pagato nell’eurozona.

Technorati Tags: google, adsense, referrals, cpa, affiliazioni, zanox, tradedoubler, affiliate marketing



Share on FriendFeed

icona feed RSS Aggiungi il feed al tuo aggregatore!



Postato il 1 ottobre 2007 alle 15:28 all'interno della categoria Web Marketing.
Puoi seguire i commenti a questa discussione sottoscrivendo il feed.
Puoi dire la tua o fare un trackback dal tuo blog.

  • http://www.theperpetualbeta.com Matteo.Balzani

    come immagini sono abbastanza coinvolto sulla cosa :)

    ovviamente Google è una minaccia, come per tutti gli altri settori in cui opera, ma al momento il sistema non è paragonabile ad una struttura di affiliation:
    - non puoi selezionare i partner
    - non puoi assegnare commissioni diverse ai diversi partner
    - non puoi comunicare coi singoli partner nè con tutto il tuo network
    - non hai assistenza sulle procedure di setup etc.

    Per alcuni settori è sicuramente molto interessante (mobile per esmepio), ma al momento è da affiancare ad un programma di affiliazione e non lo può sostituire

    IMVHO

    Come ti sembra questo commento? Thumb up 0 Thumb down 0

  • http://www.webranking.it/ Nereo

    Immagino, immagino… :-)

    Grazie delle precisazioni che completano molto bene il post.

    Io pensavo proprio a quello quanto ho fatto riferimento alla “componente umana” che per ora fa la differenza e credo la farà ancora per un bel pezzo.

    Come ti sembra questo commento? Thumb up 0 Thumb down 0

Get Adobe Flash player