Anche Google vittima del Far West delle PR digitali


Scritto il 4 gennaio 2012 alle 14:45 da Nereo  |   View blog reactions



Premessa necessaria: la storia che sta scritta qua sotto l’ho buttata giù di getto, in pausa pranzo, in risposta alla querelle che sta attraversando Google per aver utilizzato agenzie che hanno violato palesemente le policy del motore di ricerca nel tentativo di promuovere il browser Chrome. Oggi Google si è auto-penalizzata, rispondendo al moto di stizza di tanti operatori che si sono visti scandalizzati da un comportamento apparentemente ipocrita di Google.
Se non ne sai nulla puoi approfondire le principali puntate qui e qui (in lingua inglese e in successione). Consiglio la fonte originale perché le varie reprise italiche non aggiungono niente,anzi.

Io ho un parere molto netto sugli anni nei quali ci troviamo a vivere e lavorare: siamo nel mezzo (non certo alla fine) di un’espansione frenetica in terre nuove e sconosciute, dove le regole sono lasche (quando ci sono), i pionieri coraggiosi ma molto determinati ad avere successo in un ambiente nuovo che gli si apre davanti.

Ed è in questo Far West digitale che i primi arrivati occupano terreno, stabiliscono regole – per forza di cose effimere e partigiane – e rendono più arduo l’ingresso ai late comers.

E’ il terreno dove i bisogni si risolvono in modi diretti, efficaci e spesso violenti. Dove esistono veri e propri omicidi digitali (qualcuno ha detto “Panda”?) e dove lo sceriffo ha mezzi rozzi e borderline per derimere le questioni. Dove il boss della cittadina spadroneggia tronfio fino al giorno (sempre troppo vicino) in cui verrà sostituito – a spallate – dal nuovo che avanza.

Una prateria dove c’è chi fa il lavoro sporco per il ricco possidente terriero vestito di bianco, che mangia alla tavola del suo ranch con posate d’argento e ceramiche bianche …mentre il cowboy è immerso nel fango per mantenere il bestiame, mandare avanti la fattoria o trasformarsi in sgherro che risolve le questioni con i nativi o i poveracci in modo burbero ma efficace.

E’ un attimo che qualcuno risolva una questione sparando qualche colpo in aria o nel petto di un uomo. Ma il ricco possidente non vede e non sente, chiede che si eseguano le sue direttive e che il suo pranzo sia sempre servito in salotto, nella porcellana bianca, la domestica di colore col vestito stirato e i suoi stivali lucidi come se non avessero mai sfiorato la sabbia della prateria in vita loro.

E’ qui che i manager delle grandi aziende organizzano le loro campagne e provano a integrare il medium digitale in strategie di marketing push – fatto di ordini, di imperativi e non sicuramente di ascolto – quando questo selvaggio west digitale è tutt’altro che imperativo.

E’ qui che (anche) Google cade vittima delle agenzie di PR digitali. Agenzie che sono andate un po’ più in là, verso ovest, e che hanno capito che se un cliente vuole ottenere successo sui Social Network e sui Motori di Ricerca è meglio eseguire – con i metodi duri di un cowboy pistolero da saloon – piuttosto che convincerlo che il sistema non è dei migliori.

Le agenzie si comportano così perché le regole non sono ancora conosciute, condivise e diffuse, le best practices arriveranno anni dopo la ferrovia a vapore. L’etica è agli antipodi rispetto a questo mondo di “farabutti”, dove il metodo più violento, diretto, duro è sempre quello che funziona. Almeno finché saremo nel selvaggio west. E ci rimarremo ancora per un pezzo.

Oggi le digital PR sono troppo spesso il braccio armato delle aziende sul web: fanno il lavoro sporco, al grido di “tanto è sempre stato così, i pubbli-redazionali sono sempre esistiti, che cosa credevi?”.

Sono sicuro che Google non sapesse niente di come sarebbe stato gestito in modo pratico il lavoro di promozione che ha richiesto per Chrome. Ha preteso risultati. E l’agenzia ha trovato un modo per darglieli. Google è ignaro – come lo sono le aziende che investono in Rete in modo epidermico – di cosa ci stia sotto. Domandano risultati. Senza se e senza ma come se si stesse parlando di carta stampata. Ma non è carta stampata.

Ma la Rete è sociale, è critica, è in qualche modo ispida, reattiva. La Rete parla, propaga le idee e le critiche. E’ qualcosa di vivo che si muove sulla base di un ecosistema complesso, dove Google stesso è artefice di regole che non sono scolpite nella pietra ma che possono cambiare di giorno in giorno con il variare delle stagioni o anche solo il calar del sole.

Google è un’azienda meravigliosa che sa fare molto bene gli strumenti ma non li usa direttamente.
Quanti sanno che le campagne SEM di Google sono appaltate all’esterno ad agenzie specializzate?
Ti scandalizzi? No, non devi.

Alla Ferrari non sono piloti. Saper progettare e costruire un motore o lavorare sull’aerodinamica  non richiede di essere un pilota. Per quello c’è il mercato: i piloti migliori per un’auto si assumono e si mettono alla guida delle proprie macchine.

Google ha gli strumenti ma chi li usa sono i piloti che trova in agenzia e quindi anche le campagne SEM, le ottimizzazioni di usabilità e di CRO con Website Optimizer e così via, sono tutte attività che acquista sul mercato dalle migliori professionalità. Dal miglior pilota. Perché Google fa motori, non scuole di guida sportiva.

E così capita che pure il gigante di Mountain View inciampi in una campagna di promozione dove si sponsorizzano post pagando i blogger, dove si scrivono testi edulcorati per i motori di ricerca, dove si inseriscono link artificiosi, dove si fa qualcosa di palesemente vietato dalle loro stesse guidelines anti-spam.

Ma la colpa di Google, come quella di tutte le grandi aziende che chiedono risultati senza produrre da soli uno straccio di contenuto, è di vivere in un Selvaggio West digitale dove il lavoro sporco lo fanno i bulli e dove le poche agenzie che sanno dire di “no” lavorano con soddisfazione solo per le realtà più colte e lungimiranti.
Aziende e manager che hanno capito – leggendo, studiando, cambiando le loro idee – che così non può andare avanti per sempre. Che è meglio convivere  in pace e armonia con le tribù locali piuttosto che corromperle con l’alcool perché non facciano rumore e abbassino la testa.

Siamo nel Far West digitale ma presto – o temo tardi – ne usciremo.

Per ora si sta bene nella riserva indiana, dove si prova a vivere in pace guardando dall’alto le sterminate praterie dove si combatte con regole vecchie in attesa che il progresso spazzi via tutto. Quassù sull’altopiano c’è posto per tutti. Però serve uno sforzo per voler cambiare e salire per il sentiero.
Pensare che sia meglio appaltare a un’agenzia specializzata la gestione dei social network di un’azienda con un approccio “black box” (leggi: non voglio vedere come lavori, non collaboro se non pagandoti e poi voglio i risultati in output al processo) è come essere finito nelle sabbie mobili. Se ne può uscire ma occorre stare fermo …e pensare a una via d’uscita.

Hasta luego, Gringo.



Share on FriendFeed

icona feed RSS Aggiungi il feed al tuo aggregatore!



Postato il 4 gennaio 2012 alle 14:45 all'interno della categoria Pensieri sparsi, Pubblicità 2.0, società digitale.
Puoi seguire i commenti a questa discussione sottoscrivendo il feed.
Puoi dire la tua o fare un trackback dal tuo blog.

  • Zio Prete

    Ma per favore….  Che Google fosse all’oscuro di tutto mi sa che lo pensi solo tu….

    Come ti sembra questo commento? Thumb up 0 Thumb down 0

  • http://www.totale.it/ Nereo

    Come ho già scritto altrove, Google è un brand non un Borg ;-)

    C’è da capire come si ragiona sulle aziende… Chi era all’oscuro? Boh?Comunque lo vedi anche con la SEO: le aziende non sanno se le loro agenzie acquistano link generando potenziali ritorni di immagine negativi. E poi con chi te la prendi? Con il marketing manager che non sa niente di Internet, con il suo assistente digital? Con gli acquisti? Con L’AD? 
    Chi è l’azienda? Chi è Google? :-)

    Come ti sembra questo commento? Thumb up 0 Thumb down 0

  • http://www.cash-cow.it/ Alberto

    All’oscuro o meno, questo errore è sintomo di quanto siano stagne le diverse aree di Google.

    Come ti sembra questo commento? Thumb up 0 Thumb down 0

  • http://www.totale.it/ Nereo

    Like Alberto. E’ verissimo e fa sorridere quando te ne accorgi in modo così palese. 

    Come ti sembra questo commento? Thumb up 0 Thumb down 0

  • http://twitter.com/evapear eva perasso

    a me pare che uno dei problemi, per le pr digitali come per gli uffici stampa di 15 anni fa, sia che le aziende chiedono sempre i “risultati”: un tempo contavano i ritagli di rassegna stampa per valutare l’agenzia di comunicazione scelta o il loro press office interno, oggi fanno la stessa cosa con i rappresentanti delle digital pr. detto questo condivido il pensiero

    Come ti sembra questo commento? Thumb up 0 Thumb down 0

  • Anonimo

    Augh Nereo! Come sia fa a non essere d’accordo? L’esperienza in questi anni mi ha però illuminato in tal senso. Non è nel web che si opera così alla “cazzo” o borderline, ma tout court nel fare azienda. Si cerca la strada facile, la scorciatoia, il trucco, l’inganno. Oppure se si hanno tanti soldi e smisurate ambizioni: il sogno di fare cose grandiose e ben fatte (un microatollo dove mi sembra stai invidiosamente approdando). E’ la legge del nostro sistema capitalistico. Briatore vinceva barando e faceva vincere barando consapevolmente Benetton e Renault (che però il motore buono lo faceva). Non aggiungo altri esempi perchè il post diventerebbe kilometrico. Il doping esiste ed è vivo e vegeto, così come è viva e vegeta la finta lotta quotidiana all’antidoping. E non lo usano solo i brocchi per essere migliori (cosa che quantomeno sarebbe giustificata nella legge della sopravvivenza) ma anche i migliori per esserlo ancora di più a prescindere da quello che gia anno e che tolgono agli altri. E perchè Google dovrebbe essere diverso in ciò? Non sarebbe un risultato naturale, anzi… 

    Come ti sembra questo commento? Thumb up 0 Thumb down 0

Get Adobe Flash player